La lavanda è sicuramente uno dei fiori simbolo dell’estate e il mese di luglio è in assoluto il periodo del suo massimo splendore! Il profumo intenso dei suoi fiori riporta immediatamente alla mente i campi colorati di viola della Provenza e il profumo di pulito degli armadi delle nostre nonne.

 

Lavanda

E’ una pianta rustica, che si adatta molto bene a condizioni di esposizione molto assolate, dove produrrà una fioritura ricca e molto profumata. Sopporta bene le temperature rigide dell’inverno mantenendo le foglie per tutto l’anno. La potatura per regolarne la forma va effettuata all’inizio della primavera nel momento della ripresa vegetativa, facendo attenzione a non tagliare le parti legnose della pianta.

 

Lavanda nel mio giardino

 

I suoi fiori possono essere utilizzati in diversi modi, il più classico sono i sacchetti profumati per cassetti e armadi. Per farli, tagliate i fiori nel momento della fioritura, ma solo dopo che api e altri insetti avranno fatto scorpacciata di polline. Quest’anno la mia lavanda ha fatto una fioritura particolarmente ricca (lo vedete nella foto sopra) ed era un piacere vedere come, nonostante in centro città, fosse piena di api e bombi: mi sono spesso chiesta da quanto lontano arrivassero.
Dopo averli tagliato i fiori alla base dello stelo, vicino alle foglie, raccoglieteli in mazzi e appendeteli a testa in giù in un luogo fresco. Ad essicatura ultimata, non vi resterà che raccogliere i fiori in sacchettini di tessuto naturale come la canapa e il cotone, che lasceranno traspirare il profumo.