Come stanno i vostri balconi?? Avete un sacco di belle fioriere che stanno dando il loro meglio con questo bel sole?
Qualche tempo fa ho ospitato nel mio giardino un workshop di composizione di fioriere primaverili per la mia associazione di giardinaggio “Sguardo nel verde”. Le partecipanti hanno portato con sè una fioriera da sistemare o da realizzare da zero, il risultato è stato un insieme di belle composizioni di piante stagionali e perenni, che saranno in fiore da ora fino alla fine dell’estate.
Anche se è passato un pò di tempo, vorrei raccontarvi lo stesso quel che abbiamo fatto, così se per caso vi avanzasse ancora quel piccolo spazio che non sapete con cosa riempire sul vostro balcone, oppure se invece fino ad adesso avete aspettato perchè siete stati indecisi…qui troverete qualche spunto utile.

Come prima cosa, abbiamo analizzato insieme le varie esposizioni dei balconi delle partecipanti. In questa stagione, è un dato molto importante da considerare: infatti, mentre in inverno il sole è tiepido e una pianta che richiede esposizione a mezz’ombra potrebbe stare bene anche esposta a sud, da questa stagione in poi il caldo può fare gravi danni e quindi l’esposizione va considerata proprio “alla lettera”.

ESPOSIZIONE IN PIENO SOLE

L’esposizione in pieno sole è quella più difficile in questa stagione, soprattutto ora che inizia il caldo estivo. Le piante vanno monitorate con attenzione, sia dal punto di vista dell’innaffiatura, che va fatta minimo una volta al giorno e possibilmente al mattino presto, sia degli attacchi di parassiti vari che al caldo proliferano meglio.
Ecco le piante che vi consiglio:
Erigeron karvinskianus: pianta perenne, tappezzante di circa 20-40 centimetri che produce morbidi cuscini di piccoli fiori a margherita. Fiorisce per tutta l’estate e apprezza le esposizioni assolate, addirittura spesso la si trova nelle crepe dei muri come pianta spontanea. In autunno andrà tagliata alla base e in primavera riprenderà a vegetare.
Lithodora: pianta sempreverde, la sua fioritura a campanelline blu è perfetta per una fioriera mediterranea. Tollera anche qualche breve periodo di siccità, mentre patisce i ristagni idrici.
Sedum: di questa categoria di piante esistono moltissime varietà, tutte estremamente rustiche e molto resistenti sia al caldo estivo che al freddo invernale. Molte fioriscono in estate, alcune producono anche fiorellini a inizio autunno. Resistono bene anche a brevi periodi di siccità, tant’è che in natura si trovano spesso in crepe nei muri o in giardini rocciosi.

Erigeron Karvinskianus

Sedum "Purple emperor"

ESPOSIZIONE A MEZZ’OMBRA

Questa è l’esposizione che tutte le piante sognano: il sole ma nelle ore più giuste della giornata, quindi dal mattino presto fino più o meno a mezzogiorno. In questa esposizione tutte le piante vivono al meglio, anche quelle che in teoria sono date come da pieno sole.
Ecco le mie scelte:
Petunia/Surfinia: insieme ai Gerani sono le piante più classiche e più coltivate della stagione primaverile ed estiva. I fiori a campanula sono di molti colori e dimensioni, io preferisco decisamente le varietà a fiore piccolo. Di solito si tende a posizionarle in pieno sole, in realtà vivono molto meglio senza il sole diretto tutto il giorno: questo risparmierà loro frequenti e spesso letali attacchi di afidi e parassiti. Vi consiglio di cimare spesso i fiori appassiti, in questo modo vi garantirete una fioritura prolungata nel tempo.
Heuchera: pianta appartenente alla categoria delle erbacee perenni, è per questo utile se pensate di mantenere la vostra fioriera anche in autunno e inverno. Interessante sia per la forma che per il colore del fogliame di diverso colore, dal verde acido al rosso scuro, è adatta sia a posizioni di mezzombra che di ombra piena. La fioritura, tra aprile e giugno, è caratterizzata da alte spighe di colore che varia da rosa chiaro al rosa più acceso e scuro.
Campanula: un’altra interessante erbacea perenne di cui esistono molte varietà, dalle più piccole, che si sviluppano in cuscinetti di fiori bassi e tappezzanti (le varietà Portenschlagiana) alle più grandi e alte, adatte alle bordure più che alle fioriere, che possono arrivare fino a 1 metro di altezza (le varietà Persicifolia). In entrambi i casi, la loro fioritura ricca e prolungata ci accompagna dalla tarda primavera fino a estate inoltrata.

Campanula tappezzante nel mio giardino

I mille colori dell'Heuchera

ESPOSIZIONE OMBREGGIATA

Quella che sembra essere l’esposizione più difficile, che quasi mai si trova sui cartellini delle piante che acquistiamo nei garden, con le piante giuste diventa invece molto gradevole. Inoltre è decisamente l’esposizione ideale per dar modo alle nostre piante di sopportare la calura estiva. I miei consigli:
Impatiens “Nuova Guinea”: una piccola stagionale fiorita anche in ombra è molto preziosa. Questa piccola pianta produce fiori a corolla bianchi, rosa e rosa intenso per tutta l’estate. Richiede un terreno sempre fresco e umido: considerando che è posizionata in ombra, in questa stagione  possiamo innaffiarla anche ogni due giorni, ma una volta che il caldo si farà sentire non potremo evitarne innaffiature quotidiane.
Hosta: erbacea perenne molto interessante principalmente per il fogliame decorativo, in estate inoltrata la Hosta fiorisce con alte pannocchie in alcuni casi profumate. Come dicevo, il fogliame di queste piante è molto particolare, si va dal verde intenso tendente al blu, al verde variegato di bianco o di giallo. Necessità di una esposizione ombreggiata e di innaffiature costanti…attenzione perchè le lumache ne sono molto ghiotte!
Muhelembeckia: questa è una delle piante che più mi piacciono. E’ ideale in fioriere miste sia invernali, insieme a ciclamini e eriche, ma anche estive, per accompagnare con un tocco di leggerezza e di verde le fioriture delle stagionali. Non richiede particolari cure, solo che il terreno sia mantenuto sempre ben umido perchè patisce molto la siccità.

Hosta e Impatiens insieme

Muehlembeckia