Oggi temperature primaverili qui a Torino…ma siccome è ancora prevista neve per i prossimi giorni, mi metto paziente ad aspettare e per ora faccio qualche tentativo per portarmi in casa lo stesso un po’ di fiori e profumi, nell’attesa che sia davvero ora di primavera.

E in questo senso, mi vengono in aiuto i bulbi che ormai già da qualche mese spopolano nei garden center. Con la loro fioritura “forzata” sono la soluzione ideale per chi inizia ad essere stufo dell’inverno e inizia a vederne solo più le giornate fredde e grigie. I bulbi più noti e apprezzati sono senza dubbio i Giacinti (Hyacinthus Orientalis), ma in questa stagione si trovano anche in vendita i bulbi di Narcisi e di Bucaneve (Galanthus Nivalis) oppure i grandi bulbi di Amaryllis (Hyppeastrum).
I giacinti sono molto apprezzati sia per la forma del fiore, composto da tanti piccoli fiorellini a campanula, sia per il loro aroma intenso e inconfondibile. Unica pecca, comune però a tutte le bulbose, è che la fioritura avviene una volta all’anno e dura solo una settimana. Ma se li avete già coltivati, saprete che gran soddisfazione inebriarsi del loro profumo quando fuori l’aria è ancora fredda e il cielo minaccia neve o pioggia!

I Giacinti sono davvero molto gradevoli sia per la tipologia di fiore, a sua volta composto da tanti piccoli fiorellini a campanula, che soprattutto per il loro aroma intenso e inconfondibile. Unica pecca, comune però a tutte le bulbose, è che la fioritura avviene una volta all’anno e dura solo una settimana. Ma se li avete già coltivati, saprete che gran soddisfazione inebriarsi del loro profumo quando fuori l’aria è ancora fredda e il cielo minaccia neve o pioggia!
Quando il giacinto sarà in piena fioritura, innaffiate in modo da mantenere la terra sempre umida, anche per contrastare l’inevitabile secchezza dell’aria data dai riscaldamenti. Una volta che il fiore sarà appassito, recidetelo alla base ma lasciate intatte le foglie! Finchè saranno verdi infatti continueranno la loro fotosintesi clorofilliana, fondamentale per avere di nuovo il bulbo in fiore l’anno prossimo.

Una volta che le foglie saranno seccate, circa 4 mesi dopo la fioritura, potrete reciderle alla base. Il bulbo a questo punto andrà conservato in un luogo fresco, asciutto e buio fino all’autunno successivo. A quel punto, potrete piantarlo in piena terra o in vaso, avendo cura di sistemare sul fondo della buca dell’argilla espansa drenante e di ricoprirlo con terra pari a due volte la sua dimensione.
Se invece voleste provare la tecnica della “forzatura” per avere di nuovo fiori profumati in inverno, fatelo con bulbi nuovi che non avranno subito un simile “scompenso” di ritmi naturali. Vi suggerisco di acquistare dei bulbi che terrete in luogo fresco e buio fino a circa 4-5 mesi dal periodo in cui desiderate che fioriscano. Piantateli a quel punto in un vaso mantenendo però metà del bulbo fuori terra e portateli in un luogo molto luminoso, con temperature non inferiori ai 15°-18°. Innaffiate regolarmente ogni 4 o 5 giorni, finchè non vedrete spuntare i primi germogli. Da qui in poi, sapete cosa fare! 🙂