“Essere giardiniere significa anche essere pronti a dotarsi di pazienza, saper vedere, accettare sconfitte e delusioni, domandarsi il perchè degli errori e trovare il modo di correggerli. Non aver paura di ricominciare. Non arrendersi facilmente.” 

Queste poche righe, che io trovo personalmente perfette per me, sono state scritte da Anna Peyron come presentazione di un nuovo libro, che esce oggi in libreria e che si chiama         “Il giardino svelato“, sottotitolo “Giardinieri esperti e appassionati raccontano come inventare il proprio giardino.”

 

Tra questi giardinieri, tra quelli appassionati naturalmente, ci sono anche io.

Sono emozionata nel dirlo, perchè otto anni fa, quando abbiamo deciso di comprare la nostra casa e sognavamo di costruirne il giardino, non mi sarei mai immaginata tra gli autori di un libro di giardinaggio.
L’idea alla base di questo libro è di raccontare agli appassionati, come voi che ora mi state leggendo, che cosa significa avere un giardino. E anche di far capire che tutti ce la possono fare, che non ci sono solo i giardini delle riviste patinate o dei libri dei giardinieri che hanno fatto “la storia”, ma ci sono anche i giardini delle persone “normali”, che possono essere più o meno esperte ma che sono tutte accomunate da un unico denominatore: la passione. E che con quella si possono fare davvero grandi cose.

La prima versione del mio giardino era un appezzamento di erba a rotoli con una pianta da frutto, una mimosa e qualche rosa comprata su un banco del mercato. Oggi, dopo sette anni di studio, approfondimento e sperimentazioni dettate dalla passione, è diventato così.

Non è il giardino di un garden designer, non è nemmeno quello di un architetto paesaggista, eppure a me basta per essere soddisfatta di quel che sto cercando di fare. Primavera dopo primavera, autunno dopo autunno, provando, cambiando, osservando, spostando. In perenne evoluzione.

Vorrei solo che sapeste che, qualsiasi sia lo spazio che avete a disposizione e qualsiasi sia la vostra conoscenza della materia, se questa cosa vi piace, se fare giardinaggio vi appassiona, avete già tutto quello che vi serve.

Grazie a Laura Caratti che ha creduto che il mio giardino fosse abbastanza interessante da essere incluso in questo libro. In bocca al lupo a tutti noi, “fantastici 12” autori e giardinieri appassionati, quel che ci auguro è che questo libro stimoli in altri la stessa passione e dedizione che ci ha portato fin qui.

Potete trovare “Il giardino svelato” in libreria oppure più comodamente qui:
https://ilgiardinosvelato.wordpress.com/%E2%97%8F-contattaci/ o qui:
http://www.amazon.it/giardino-Giardinieri-appassionati-raccontano-inventare/dp/8879041975